domenica 14 agosto 2011

Senza...


Una moto senza motore cos'è? 
Semplice, una bici. In fondo l'assonanza c'è: moto-cicletta, bi-cicletta: la prima è nata proprio componendo le parole "moto" e "ciclo", coniato sulla bicicletta. Per chi, come me, ha sempre fatto col motore (a parte la parentesi adolescenziale), trovarsi senza non è affatto facile. 
Devo pedalare, devo sudare, devo fare da solo, devo fare senza.
La giornata senza comincia presto. Devi mangiare carboidrati, verificare che catena e movimenti siano sgrassati e ben unti, scegliere che tipo di pantaloncini mettere, quale maglietta indossare, caricare l'acqua nel camelbak, mettere le barrette nello zaino, scegliere la pressione delle gomme, decidere di cosa hai bisogno e di cosa, invece, puoi fare a meno. Ovvero, senza.
Poi parti e anche se non hai il motore, il senso è lo stesso. Cambia la distanza, che è minore, ma il paesaggio, in mezzo a tutto quel verde, è incredibile. 
Puoi essere in gruppo ma quando cominci a pedalare forte e il cuore comincia a pulsare rapido, attorno a te cala un silenzio Zen.
Si, una specie di silenzio meditativo, un'esperienza profonda, improvvisa, che ti porta al cuore di molte cose. Io, arrampicando oggi su sentieri e sterri del Montegrande o sul Calvario, scendendo a perdifiato sulle piste del Pizzo o sui letti asciutti dei torrenti al Croce dei Colli, riflettevo del mio senza.
Poi metto la mano nello zainetto e trovo quello che cercavo. 
Odore, colore, ricordo.
Senza.
In fondo è una preposizione, no? Una bella preposizione che indica "esclusione", "mancanza", "privazione".
Ecco, il cuore dice proprio quello...
Non è una questione di motore.
E' che quando arrivi in cima, sei solo.
E' che senza, è proprio un casino.

Senza...
Copyright © Lorenzo Borselli tutti i diritti riservati

11 commenti:

  1. Bellissimo, invidiabile...

    RispondiElimina
  2. Ilaria Stabile
    Ho cominciato a leggere il tuo blog "Storie di moto"...Lore sei fantastico in tutto...sai raccontare, descrivere, far ridere ed emozionare come sempre...CHE UOMO RAGAZZIIIII!!!!Un saluto a te e Raffaella...

    RispondiElimina
  3. Paolo Molinari16 agosto 2011 15:17

    Messaggio subliminale... No?

    RispondiElimina
  4. bravissimissimo ma per me le due ruote devono fare rumore, tanto rumore.....e più rumore fanno e più mi piacciono. ;-))
    Bermaxgs

    RispondiElimina
  5. Dipende sempre da quello che vuoi sentire, no?

    RispondiElimina
  6. "senza" di me tutt'altra cosa....

    RispondiElimina
  7. Ciao Lorenzo,
    ho letto il tuo giro per Sestola, Monte Cimone ecc. ma la cosa più bella sono le foto, oltre ovviamente, alla tua descrizione che come sempre non fa una piega...
    Un caro saluto a te e Raffaella.
    Ciao
    Un amico
    Franco C.

    RispondiElimina

Dì pure quello che vuoi. Pensa, quello che vuoi. Solo, non essere offensivo...